Tom

Quant émm zughé sa Tom,
quèll ch’a m so divertéi,
mo inteligent, l’era e’ chèn de mi zéi,
piò inteligent ch’ nè léu.


Tom

Quanto abbiamo giocato con Tom,
quel che mi sono divertito,
ma intelligente, era il cane di mio zio,
piú intelligente di lui.

Raffaello Baldini
Intercity
Einaudi, 2003

Mètt

Mètt ch’e’ vénga la féin de mònd, admèn,
pasdmèn, e a murémm tótt, mètt che la tèra
la s’infràida, la s sfrangla,
ch’ la s’ ardéusa un purbiòun, ch’ la s pérda tl’aria,
e la léuna l’istèss, u s smórta e’ sòul,
al stèli, e’ vén un schéur,
u n gn’è piò gnént, e at tótt che schéur e’ témp
l’andarà ancòura avènti? da par léu?
e dò ch’ l’andrà?


Metti

Metti che venga la fine del mondo, domani,
dopodomani, e moriamo tutti, metti che la terra
s’infradici, si sbricioli,
che si riduca un polverone, che si perda nell’aria,
e la luna lo stesso, si spegne il sole,
le stelle, viene un buio,
non c’è piú niente, e in tutto quel buio il tempo
andrà ancora avanti? da solo?
e dove andrà?

Raffaello Baldini
La Nàiva Furistír Ciacri
Einaudi, 2000

Viazè

Mo viaza tè, mè a stag bén dò ch’a so,
ch’i vén fura, aquè, pu u i è Suièn,
Vrócc, la Pargàia, ch’a n’i so mai stè
ma la Pargàia, gnénca tè? mo ‘lòura
csa vét zarchè vaiéun, che mè sno e’ lèt
furistír, e’ cuscéin, che s’a n’ò e’ méi,
pu tótt, t vé véa se sòul, t’aréiv ch’e’ pióv,
ta n cnòss niseun, u t tòcca dmandè sémpra,
e al gambi quant l’è nòta,
vdai e’ mònd?
Che dop t si piò pataca ca né préima,
a m’arcórd Curio, sa che viàz a Lòndra,
‘na boba, pu l’è tòuran, e e’ dè dop
a zughémmi a bucètti, ch’e’ pareva
ch’ fóss stè a San Véid, e adès dis ch’e’ va in Kenia,
u i vó una bèla vòia, e tè dú vét?
A Montecarlo e a Nizza? t’é capéi,
e tótt’ la Costa Azzurra, quant t sté fura?
dis dè? mo ’s’ut ch’a próva, ch’a l so zà,
‘ta bón, fè la valéisa,
purtèsla dri, che mè la dmènga in piaza
u m dà dan e’ giurnèl, e pu e’ magnè,
u m géva Curio, tótta roba frétta,
una pózza, l’agnèl sla marmelèda,
i spaghétt ch’i i bai dri e’ cafelàt,
e mè ch’a so un viziéd, no, gnénca zcòrrni,
a stagh ma chèsa méa, piò bén che mai,

che pu a viàz ènca mè, aréiv da Carghín,
a vagh me zugh dal bòci,
ch’i n zuga piò niseun, l’è tótt pin ’d fòi,
mo mè u m pis ènca i póst ch’u n suzéd gnént,
dréinta u s sint sunè un flipper,
i pasarótt ch’i era scap véa i artòurna,
u i è che manifèst sémpra spandléun
me méur ’d Canzola, «Viva… », viva chè ?
e léu e’ réid, csa réidti? che d’instèda
quant a vèggh chi sgraziéd, la Roca, l’Èrch,
la Piva, tótt sudéd, mè ’lè avrébb vòia
da farmèi, vní sa mè, mi Capuzéin,
e’ zéir dla méura, pièn, tramèza l’erba,
e d’ogni tènt punsès, u i è un rapètt,
basta slunghè una mèna, dal suséini
piò dòulzi ca nè e’ mél, i frè i n li còi,
pu, vérs Savgnèn, e’ vièl,
di arzipréss, un udòur, e in chèva gnént,
u s scapa tla spagnèra, che d’alè,
dal vólti, zà ch’ a i so, travérs cantír,
a cal zò te Marèccia,
un slèrgh, t vé do ch’u t pèr, e tótt chi sas,
mo u i n’è ch’i à di culéur,
i léus, sòtt’aqua, quèsti l’è al zità!
o a so balèngh? e piò in là do burdèli,
s’un gran maz ad fiéur zal, al réid, al córr,
a pi néud, sòura i sas, mo cmè ch’al fa?


Viaggiare

Ma viaggia tu, io sto bene dove sono,
che vengono da fuori, qui, poi c’è Sogliano,
Verucchio, Perticara, che non ci sono mai stato
a Perticara, neanche tu? ma allora
cosa vai a cercare in giro, che io, solo il letto
forestiero, il cuscino, che se non ho il mio,
poi tutto, vai via col sole, arrivi che piove,
non conosci nessuno, devi sempre chiedere,
e le gambe quando è notte,
vedere il mondo?
che dopo sei più coglione di prima,
mi ricordo Curio, con quel viaggio a Londra,
una cagnara, poi è tornato, e il giorno dopo
giocavamo a boccette, che pareva
fosse stato a San Vito, e adesso dice che va in Kenia,
ci vuole una bella voglia, e tu dove vai?
a Montecarlo e a Nizza? hai capito,
e tutta la Costa Azzurra, quanto stai fuori,
dieci giorni? ma cosa vuoi che provi, lo so già,
sta’ buono, fare la valigia,
portarsela dietro, che io la domenica in piazza
mi dà fastidio il giornale, e poi il mangiare,
mi diceva Curio, tutta roba fritta,
una puzza, l’agnello con la marmellata,
gli spaghetti che ci bevono dietro il caffelatte,
e io che sono un viziato, no, neanche a parlarne,
sto a casa mia, meglio di qui?

che poi viaggio anch’io, arrivo da Carghín,
vado al gioco delle bocce,
che non gioca più nessuno, è tutto pieno di foglie,
ma a me piacciono anche i posti dove non succede niente,
dentro si sente suonare un flipper,
i passerotti che erano scappati via ritornano,
c’è quel manifesto sempre penzoloni
al muro di Canzola, «Viva… », viva che?
e lui ride, cosa ridi? che d’estate
quando vedo quei disgraziati, la Rocca, l’Arco
la Pieve, tutti sudati, io lì avrei voglia
di fermarli, venite con me, ai Cappuccini,
il giro delle mura, piano, in mezzo all’erba,
e ogni tanto una sosta, c’è una salitella,
basta allungare una mano, delle susine
più dolci del miele, i frati non le raccolgono,
poi, verso Savignano, il viale,
dei cipressi, un odore, e in fondo niente,
si esce nell’erba spagna, che di lí
delle volte, già che ci sono, per i campi
calo giù nel Marecchia,
uno slargo, vai dove ti pare, e tutti quei sassi,
ma ce n’è che hanno dei colori,
rilucono, sott’acqua, queste sono le città!
o sono balengo? e piú in là due bambine
con un gran mazzo di fiori gialli, ridono, corrono,
a piedi nudi, sui sassi, ma come fanno?

Raffaello Baldini
La Nàiva Furistír Ciacri
Einaudi, 2000