La felicità

Santéi la matéina
al brazi ch’al vén fura de sònn
e una macia ad sòul
ch’la t’ bat sòura una spala
e l’acqua
ch’la t’incòuntra ti òcc,
santéi la vòusa
ch’la sòuna t’una cambra
e l’aria
che là n t’ tòcca, epure ta la vèid,
santéi e’ sangh
che córr sòtta la pèla
e nu santéi piò gnént.


La felicità

Sentire la mattina | le braccia che escono dal sonno| e una macchia di sole | che ti batte sopra una spalla | e l’acqua che ti incontra negli occhi, | sentire la voce | che suona in una stanza |e l’aria | che non ti tocca, eppure tu la vedi, | sentire il sangue | che corre sotto la pelle | e non sentire più nulla.

Nino Pedretti
La Chèsa de Témp 

U n’e’ savrà niséun

Ch’avémm campè
ch’avémm tòcch al strèdi si pii
chi andeva alìgar
u n’e’ savrà niséun.
Ch’avémm guardè e’ mèr
da e’ finistréin di trèni,
ch’avémm respiré
l’aria ch’la s pòẓa
sal scaràni di bar,
u n’e’ savrà niséun.
A sémm stè
sla teraza dla véita
fintènt ch’l’è arivàt ch’i élt.


Non lo saprà nessuno

Che abbiamo vissuto, | che abbiamo toccato le strade | coi piedi che andavano allegri, | non lo saprà nessuno. | Che abbiamo visto il mare | dai finestrini dei treni, | che abbiamo respirato l’aria che si posa | sulle sedie dei bar, | non lo saprà nessuno. | Siamo stati sulla terrazza della vita | fintanto che sono arrivati gli altri.

Nino Pedretti
La Chèsa de Témp